Guida hosting dedicato o condiviso

Mini guida hosting dedicato o condiviso: Parlando di hosting per il proprio sito Web, la scelta fra hosting dedicato e hosting condiviso è uno dei primi aspetti da prendere in considerazione.

Il tipo di hosting che sceglierai è fondamentale per agevolare la gestione del sito e intervenire prontamente nel caso ci fossero problemi o, più banalmente, rallentamenti del server.

Ma quali sono le differenze fra hosting condiviso e hosting dedicato? Il primo, come dice il nome stesso, presuppone una o più infrastrutture server su cui sono ospitati un gran numero di siti, incluso il tuo.

Guida hosting dedicato

Vengono messe a disposizione dei webmaster alcune risorse, gratuitamente oppure a pagamento; alcuni hosting condivisi ti permettono di richiedere eventuali upgrade qualora le condizioni iniziali non fossero più sufficienti (ad esempio, se il tuo sito avrà un bacino di utenti prevalentemente internazionali, potresti decidere di aver bisogno di maggiore banda), mentre altri sono più “blindati”.

Di qui la differenza principale con l’hosting dedicato; si tratta di un server su cui è ospitato solamente il tuo sito, quindi potrai sceglierlo in virtù di quelle che sono le tue esigenze presenti e (soprattutto) future.

Addirittura, potresti acquistare tu una macchina server da installare in locali di tua proprietà, diventando di fatto l’amministratore unico che deciderà su questioni come infrastrutture hardware e software; in questo caso parliamo di “housing” propriamente detto, una forma di hosting dedicato per cui è indispensabile un minimo di conoscenza informatica.

Viceversa, puoi affidarti a uno dei numerosi servizi di hosting dedicato disponibili online.

L’hosting dedicato; quali caratteristiche deve avere?

server dedicato o condivisoAbbiamo visto quali sono le differenze cardine che esistono fra hosting condiviso e hosting dedicato. Nello specifico, quest’ultimo deve disporre di alcune caratteristiche fondamentali. In primo luogo, il provider (ovvero la persona fisica o la società che ti elargisce i servizi di hosting) dev’essere rintracciabile, se non ventiquattr’ore al giorno, comunque in tempi brevi; devi cioè poter sempre avere a disposizione un canale di contatto privilegiato con chi ti ospita, in modo da poter intervenire prontamente in caso di problemi o difficoltà di qualunque genere.

Inoltre, un server dedicato dovrà disporre di garanzie di sicurezza come firewall e decrittazione dei dati sensibili; sarebbe anche fondamentale avere accesso a backup dei contenuti del tuo sito il più frequentemente possibile.

L’ideale è un servizio di hosting dedicato che ti offre il backup quotidiano dei dati archiviati sul sito. In questo modo, avrai la possibilità di scaricare i backup in remoto e, se dovesse capitare qualcosa alla tua homepage, potrai velocemente ripristinare la versione più recente senza perdita di informazioni preziose.

I costi dovrebbero inoltre essere proporzionali al servizio offerto, quindi maggiori saranno le caratteristiche tecniche e di personalizzazione di cui dispone l’hosting dedicato che hai scelto, maggiore sarà il costo dello stesso.

Come si diceva nel paragrafo precedente, poi, un buon hosting dedicato dovrebbe offrirti quantomeno un certo margine di flessibilità per potenziare ulteriormente la tua offerta, tramite l’acquisto di servizi aggiuntivi, qualorane avessi bisogno.

Come scegliere un servizio di hosting dedicato?

assistenza serverOra che ne sai di più sugli hosting dedicati, ti starai chiedendo come scegliere fra le molte offerte di questo tipo che esistono sul Web. Ecco quindi alcuni consigli pratici per orientarti nella decisione.

In primo luogo, ti consigliamo di optare per dei provider di hosting dedicato italiani; fino a qualche anno fa i servizi internazionali offrivano uno spazio su disco maggiore, oggi invece le infrastrutture nostrane si sono messe al passo con la concorrenza ed esistono molte soluzioni valide e versatili fra cui scegliere.

Un servizio di hosting dedicato in italiano, oltre a essere più facile e intuitivo (perché l’interfaccia stessa sarà in italiano), è più conveniente anche se dovessi rivolgerti al servizio di assistenza; potrai parlare nella tua lingua e soprattutto in tempo reale, mentre rivolgendoti a servizi esteri dovresti costantemente tenere presente la differenza di fuso orario.

Immagina di aver scoperto che il tuo server è stato hackerato e dei contenuti malevoli sono diffusi tramite le pagine del tuo sito; naturalmente vorrai intervenire il prima possibile per salvaguardare i tuoi navigatori, e potrai farlo al meglio solamente appoggiandoti a piattaforme di hosting nostrane.

Soprattutto, non commettere l’errore di scegliere un hosting su server Windows anziché Linux solo perché nel tuo computer di casa hai installato il sistema operativo Windows! Infatti i server Linux sono da preferire perché più veloci, affidabili e dotati di maggior compatibilità rispetto ai server di casa Microsoft.

E non preoccuparti; scegliere un hosting dedicato con server Linux non ti impedirà di modificare il tuo sito anche se hai Windows come sistema operativo.

Per chi è indicato l’hosting dedicato e perché dovresti sceglierlo?

In questa guida abbiamo visto le caratteristiche principali dei servizi di “hosting dedicato” e ti abbiamo indicato come scegliere quello più adatto alle tue esigenze. Ma a quali categorie di persone e siti Web è consigliabile una soluzione hosting dedicata?

Partiamo dal presupposto che a trarre maggior vantaggio dalle specifiche e dai servizi che offre l’hosting dedicato sono certamente le aziende e le industrie.

I siti commerciali o aziendali hanno infatti bisogno di ampie capacità di spazio, di un uptime verificato (se gestisci il sito di una banca o di un’agenzia di assicurazioni, vorrai che i tuoi clienti possano accedere al sito in qualunque momento della giornata).

Soprattutto di una maggiore sicurezza, dal momento che non esistono altri siti ospitati sulla macchina server tramite cui un eventuale malintenzionato potrebbe accedere ai dati sensibili archiviati sulla piattaforma di hosting.

Anche i siti di e-commerce o gli store online, che generano un massiccio traffico di dati, si appoggiano a database complessi anche di grandi e medie dimensioni e vengono quotidianamente visitati da un gran numero di utenti, si troverebbero eccessivamente sacrificati con le risorse limitate di una piattaforma di hosting condiviso.

In tutti questi casi l’hosting dedicato è la soluzione più pratica, perché permette di gestire in piena autonomia il proprio spazio Web, è più sicuro e garantisce prestazioni migliori.

Viceversa, l’hosting dedicato potrebbe rappresentare una spesa eccessiva se hai un sito di modeste dimensioni dedicato solo ai tuoi hobby.